lunedì 2 dicembre 2019

Una poesia di Justin Phillip Reed (Traduzione di Maurizio Brancaleoni)



 Essere un reticolo da cui si può partire (On Being a Grid One Might Go Off Of)


Justin Phillip Reed

Traduzione di Maurizio Brancaleoni



Il primo passo consiste nel fermarsi appena oltre il peso degli organi.
Il senso di gravità che occupa il tessuto è come lo spazio tra
la carcassa e il ciglio, prima che il fetore s'insinui vermoso nei pori rocciosi
un'insonnia è là, una costante spazzatura di nicchia. Anche tu

una volta sapevi com'era sentirsi incredibile. Mentre il letto si dissolve…



lunedì 4 novembre 2019

Stanza Svelata - Poesia italiana contemporanea (eBook)



È finalmente disponibile l’antologia contenente le poesie dei vincitori e dei selezionati del concorso poetico “Stanza Svelata” organizzato da Leisure Spot.

Vincitori:
1° premio: Alessandro Lanucara - "Mondo"
2° premio: Monia Minnucci - "Cenere nella polvere"
3° premio: Chiara Milazzo - "Tra quattro e sei" 

Elenco dei selezionati:
Luca Bresciani, Elisabetta Cipolli, Valentina Simone Bufano, Matteo Piergigli, Franco Lanucara, Valentina Veronesi, Marika Carlini, Rita Bompadre, Michele Pastore, Milena Contini, Susanna Russello, Maria Grazia Di Pietrantonio, Ornella Olfi, Grazia Procino, Ilaria Frascarolo, Matteo Marangoni, Rosetta Cacciola, Elisabetta Cassone, Franco Tagliati.

Scarica subito l'eBook:


mercoledì 16 ottobre 2019

Alessandro Lanucara, "World" (Translated by Maurizio Brancaleoni)

Alessandro Lanucara was born in Reggio Calabria on 4th January 1971.
He still lives in his native city, where he pursued his education and received a high school diploma in Classical Studies.
Of late he has been consistently devoting himself to writing. He has published both collections of his own poetry and single poetic and prose texts in various anthologies.
His poem “Mondo” (“World”) has won first prize in the contest “Stanza Svelata” run by Leisure Spot.

* All rights reserved. No part of the following translations may be reproduced in any form or by any means without prior authorization. For information, send an e-mail to mbmbrancaleoni@gmail.com. *


World
Alessandro Lanucara
(Translation by Maurizio Brancaleoni)


The world is an excess
for us creatures of the thirsty sea
were it an even and congealed alibi
a querulous soaked sunburnt green islet
a soft brim over saline vents
loose from our fathers on the rocks we alone
would inhabit it to fill ourselves only with writing
bearing throngings no more!
plus had each suckling a cave
we would crouch and fill its walls
one each for envy of the feathers of a neighbour
we’d spy on with binoculars toys from overseas
the only leftovers of this reality
by then confessing each other the eternal
unendurable sideways reproduction
of the ravenous absence we pale-faced
dared imagine with wicked agony
of an unable brawling wide rounded
 imaginary world
this steep world of yours


venerdì 4 ottobre 2019

Chiusura selezioni "Stanza Svelata"

Si avvicina la chiusura delle selezioni per il concorso poetico "Stanza Svelata". Sarà ancora possibile inviare le proprie opere fino alle 24:00 del giorno 11 ottobre 2019. Non saranno considerate le poesie che perverranno oltre il termine indicato. Come specificato nel bando, nei mesi successivi alla scadenza dei termini per l'invio, saranno contattati via e-mail esclusivamente i vincitori e i selezionati. Per informazioni su come partecipare e sulle modalità di invio consultare il bando disponibile qui.
Grazie a tutti quelli che hanno partecipato e che parteciperanno!

martedì 9 luglio 2019

My article on Thomas Wolfe's "Passage to England" in The Thomas Wolfe Review


My article “Thomas Wolfe's Passage to England: A Ghostly Account of a Real Voyage” has just been published in The Thomas Wolfe Review, Vol. 41, Nos. 1 & 2. Here is a brief extract:


“I recently received my MA from Sapienza University of Rome. My thesis was a translation into Italian and a critical commentary of Thomas Wolfe’s Passage to England. That was not my first encounter with that text, however, as I had already read it during the second year of my BA and since then I had been fascinated with it. When considering ideas for my MA thesis, I thought that because I wanted to make a translation, it had to be Passage to England. A series of sketches written in 1924 during an ocean crossing from New York to Tilbury, the book was published only in 1998 by the Thomas Wolfe Society and is hardly Wolfe’s most popular or most accomplished work. Nonetheless I always felt that Passage to England had something unique and idiosyncratic and that despite a certain amount of editing it was arguably more genuinely Wolfean than later and more renowned works such as Look Homeward, Angel, which was heavily modified by Scribner’s Sons editor Maxwell E. Perkins, or the posthumous The Web and the Rock and You Can’t Go Home Again, which Harper & Brothers editor Edward Aswell rearranged from a single manuscript.
As a matter of fact, while the text possesses characteristic traits such as a fragmented narrative form, an interweave of reality and fiction and the lack of a definite plot, it also tackles and anticipates a whole series of ideas and issues that Wolfe would deal with, albeit to a lesser extent, in subsequent books …”




giovedì 11 aprile 2019

Scipione - Poems (Translated from the Italian by Maurizio Brancaleoni; Revised by Jennifer Panek) (Free eBook)

Gino Bonichi, better known as Scipione after the Roman general Scipio Africanus, was born in Macerata in 1904. He moved to Rome in 1909, where he studied for a short period at the Academy of Fine Arts. Together with Mario Mafai and Antonietta Raphaël he was one of the founders of the so-called ‘Roman School’ or ‘Via Cavour School’, a group of Rome-based expressionist artists who opposed Fascist-approved Novecento movement. His paintings were first exhibited in 1927, and then, two years later, at the Venice Biennale.  In 1931 he also exhibited at the first Rome Quadriennale. He probably wrote his poems between 1928 and 1930.

Maurizio Brancaleoni received his MA in Language and Translation Studies from Sapienza University of Rome in January 2018, but he has been translating since 2012. His MA thesis aimed at providing an extended commentary and a translation into his native language of Thomas Wolfe’s posthumous work Passage to England. He has also published several pieces of poetry and fiction in various collections and journals and won a couple of literary prizes.

Jennifer Panek is an Associate Professor of English literature at the University of Ottawa. When not writing the academic publications on early modern English drama that her job demands, she translates Italian fiction for sheer enjoyment. She is currently working on her first translation for publication: Danilo Balestra's Tirati a Sorte, for Atene Edizioni.




* Every translation takes a lot of time and work. If you like this e-book and would like more, make a small donation to support the blog. *




giovedì 14 marzo 2019

Recensione: Costa, "Giovanni Tolu"; Vismara, "Un banchetto di carne umana"


Enrico Costa, “Giovanni Tolu: Storia di un bandito sardo narrata da lui medesimo”

Fermo restando che già soltanto il capitoletto introduttivo sugli intrecci tra banditismo, governo regio e potentati vari in Sardegna, davvero interessante e ben ricostruito storicamente, meriterebbe menzione speciale, quella che segue è una potentissima semiautobiografia di un uomo quasi costretto per necessità a farsi "bandito" (ma non "brigante"!) in seguito alle presunte malie di un influente e ambiguo sacerdote. Se tante sono le occasioni in cui Tolu dimostra quanto più possano l'astuzia e la moderazione che un ricorso continuo e irriflessivo alla violenza, numerosi sono anche gli episodi in cui si presta a soccorrere gli altri, tanto che quando verrà arrestato pochi anni prima della morte e processato a Frosinone finirà per essere assolto nonostante tutto. A parte i radi commenti autoriali, Costa traduce in un italiano fiorentineggiante ma costellato di lessicalismi sardi e giri sintattici fascinosamente inconsueti la narrazione del Tolu. Un vero capolavoro da riscoprire.
Voto: 5/5

Antonio Vismara, “Un banchetto di carne umana: Storia criminale dei briganti La Gala”


A detta di Vismara, il suo fine sarebbe didattico e storico, ma questa ricostruzione tutto sommato relativamente romanzata e fin troppo basata sui fatti (basta leggere le sentenze giudiziarie alla fine del volume) non ci risparmia nessuna delle crudeltà, efferatezze e brutalità compiute dai La Gala (in realtà, Della Gala) e i loro accoliti. Altro che banditi dal cuore d'oro schierati con i poveri del Sud contro il neodominio piemontese come vorrebbe un certo prete nella narrazione, non si sa se più ingenuo o più interessato: ovunque vadano, questi ex-galeotti rubano, distruggono, sequestrano, ricattano, tagliano orecchie, torturano e molto di più e molto peggio e a farne le spese sono proprio le popolazioni di quei luoghi, spesso già molto povere, costrette a dover racimolare in poche ore cifre astronomiche pur di poter rivedere più o meno vivi i loro cari. Pur perdendosi occasionalmente in un citazionismo erudito un filo stonato, Vismara confeziona un libro per stomaci forti che non rifugge la morbosità. 
Voto: 4/5

Entrambi i libri sono stati editi di recente in formato elettronico da Indibooks. Puoi comprarli qui e qui. Sei un nostalgico del cartaceo? "Giovanni Tolu" è acquistabile qui.

sabato 12 gennaio 2019

Un estratto da "Passage to England" di Thomas Wolfe (Traduzione di Maurizio Brancaleoni)

Thomas Wolfe (1900-1938) nasce ad Asheville, North Carolina. Mentre studia drammaturgia ad Harvard scrive per il teatro, ma il successo arriva con il romanzo autobiografico Look Homeward, Angel (1929), seguito da Of Time and the River (1935) e dai postumi The Web and the Rock (1939) e You Can’t Go Home Again (1940), assemblati dall’editor Edward Aswell a partire da un enorme manoscritto incompiuto. Passage to England: A Selection, pubblicato solo nel 1998 senza modifiche significative, è forse l’esempio più autentico di una scrittura genuinamente wolfiana. La cronaca vera ma soprattutto fantastica di un viaggio per mare da New York a Tilbury fa da cornice a frammenti saggistici e inserti autobiografici, anticipando temi e tecniche tipiche dell’autore. In uno di questi frammenti, Wolfe racconta della diffusa ostilità verso il darwinismo negli stati meridionali e della crociata anti-evoluzionista portata avanti dal politico William Jennings Bryan e dalle associazioni interconfessionali fondamentaliste.

Fotografia dalla Van Vechten Collection della Library of Congress.

Tratto da “Passage to England: A Selection”, a cura di Suzanne Stutman e John L. Idol, Jr., The Thomas Wolfe Society, 1998.  Traduzione di Maurizio Brancaleoni.

È vero che ciò che potremmo chiamare lo Spirito del Luogo non favoriva particolarmente l’attività intellettuale. Credo di avervi già detto che si trattava di una tipica comunità del Sud degli Stati Uniti; da sempre tutti vivevano in un torpore delizioso, mangiavano del cibo ottimo cucinato ottimamente e con devota regolarità votavano a favore della democrazia. Un mio degno congiunto aveva letto da ragazzo un libro del defunto Charles Darwin; il libro gli aveva lasciato un’impronta indelebile e in seguito per anni non smise mai di ventilare le sue sfortunate opinioni in merito alle origini preistoriche dei suoi vicini. Questa indelicatezza era causa di inconfondibile fastidio tra i comuni cittadini e gli fece guadagnare la reputazione di un Pensatore Progredito e perciò alquanto Pericoloso. E questa reputazione non scemò nemmeno dopo la comparsa sulla scena del democratico William Jennings Bryan, imbarcatosi in uno dei suoi tour della salvezza subito dopo le sue prime ricerche approfondite nel campo della biologia. In effetti, tutto ciò che le "persone di retto pensiero", per usare un'espressione che dà ai religiosi non poca soddisfazione e con cui tutti gli alti funzionari della Fondazione Rockefeller dovrebbero aprire i loro discorsi a qualsiasi banchetto veda la presenza del loro benefattore, dicevo, ciò che le "persone di retto pensiero" ribattevano in quell'epoca in tutto il Sud era: "Non mi fai fesso, non sono stupido come una scimmia". In realtà in uno stato vicino la gente lo diceva con un tale violenza che l'assemblea legislativa decretò di far sparire dalla faccia della terra lo sfortunato sig. Darwin e le sue opinioni, dimostrando così, spero ogni oltre dubbio, l'efficacia della legge sui meccanismi di natura. Nel mio stato, i pastori del gregge, esercitando la prerogativa di varare il giudizio finale senza prima svolgere indagini sull'arte, la letteratura, la scienza e la storia, prerogativa che Dio aveva benevolmente concesso solo ai Suoi ministri, operarono tanto sublimemente che le Forze dell'Oscurità nell'assemblea legislativa furono quasi completamente sconfitte e riuscirono a tenere in vita l'antico errore nelle scuole per un solo voto. Ma c'era ancora speranza malgrado tutto: la maligna superstizione che ci fosse mai stata una separazione tra le questioni della Chiesa e quelle dello Stato fu splendidamente stroncata e gli oracoli elargivano la promessa di un ritorno ancora più manifesto ai piaceri del medievalismo. Si poteva forse giudicare infelice il fatto che i Servi del Verbo non fossero più appositamente armati per l'assalto con qualche munizione degli avversari e in mancanza di argomenti si abbandonassero all'invettiva. Pochissimi tra loro, tuttavia, erano tanto arditi da essere disposti a scambiare una ragione per una maledizione e la condanna ispirata ebbe la meglio, usufruendo di quello splendido strumento con cui la Chiesa aveva additato per sedici secoli la cattiveria della ragione e l'empietà del libero pensiero, il quale, comunque, come molte cose maligne, si è fatto strada nel sangue calpestando i corpi di quei capi fanatici che per lui sono stati maledetti, flagellati, bruciati, spezzati e crucifissi, come è giusto che fossero, desiderando, con insolenza e superbia, entrare in Paradiso, se mai, come adulti e non come bambini. Di certo non bisogna credere che i difensori della verità fossero del tutto sprovvisti di testo in quel momento. L'avevano, in realtà, e parlavano spesso, trionfanti e perentori, di quel libro meraviglioso che contiene ogni cosa, che contiene l'ultima parola su tutti i problemi della biologia e della storia naturale, dacché fu scritto da Dio, dettato per migliaia di anni a parecchie ventine dei Suoi profeti e infine tradotto da Lui stesso nel possente e bellissimo organo dell'inglese secentesco, la Bibbia di Re Giacomo, operando per tramite di quattro dozzine di quei sudditi più colti e devoti che dovevano al re una fedeltà minore. Inutile a dirsi, come tutti i libri eminentemente seri sulla scienza, il Verbo era da prendere alla lettera e con esattezza.

Hai un testo in inglese, tedesco o italiano da tradurre o revisionare? Mandamelo in un file Word alla mia e-mail mbmbrancaleoni@gmail.com per un preventivo rapido senza impegno. Per ulteriori informazioni vai qui.


venerdì 30 novembre 2018

Selected Poems of Marina Pizzi (Free eBook)


Marina Pizzi is simply one of the best contemporary Italian poets. Unfortunately, only few of her poems have ever been translated in English and that is one of the reasons that pushed me to make this effort. Another motive is that while in general Pizzi’s syntax has a solid stone-like nature which suits English very well, her lines are extremely polysemic, ambiguous, and full of poetic inversions, which means that a non-native would have a hard time trying to interpret certain passages or grasp the whole range of nuances and meanings. This selection has been guided by personal taste. All the poems were originally published in electronic format. The titles of the (e-)books from which they are taken are given both in Italian and English. I hope this book will find its readers in this big, crazy e-maze.


 * Every translation takes a lot of time and work. If you have enjoyed this free e-book, donate via PayPal to support the blog. Any amount you choose to give will be greatly appreciated. *



venerdì 2 novembre 2018

Recensione: " Arirang " (2011)

arirang kim ki-duk

Quasi epigono di Kerouac nel suo periodo di ritiro spirituale/artistico, Kim Ki-duk è immerso nella natura e vive in maniera molto semplice in una baracca (o in una tenda all'interno della baracca); come lo scrittore americano si guarda attorno, taglia la legna, accende la stufa, mangia, si ubriaca, soprattutto pensa. Poi la confessione, la biografia necessariamente parziale (in entrambi i sensi) e capiamo che il ritiro è più inevitabile che voluto. Il suo soliloquio spontaneo (apparentemente dialogo fra lui e un altro lui, lui e la sua ombra, lui e noi) cattura, conquista. Non c'è più bisogno del film, questo è già un film senza esserlo. Kim Ki-duk è completamente onesto con noi? Non più di quanto ciascuno lo sia con sé stesso. Quant'è vero il dramma? Le lacrime? Lui stesso ammette di aver pianto la prima volta per esaltare l'effetto drammatico. Eppure la disperazione "naturale" del regista, ma soprattutto dell'uomo, è palpabile. Se c'è finzione, è minima, quasi inesistente. Anzi, serve a rendere le cose ancora più vere.

Arirang - pezzo tradizionale coreano - diventa così il suo canto di angoscia personalizzato e di nuovo - come sempre, per tutti - il problema, il sunto, la parola è "solitudine". E "auto-tortura". Il regista è personaggio, è persona comune - uno di "loro" - proprio perché parla di sé con sé stesso, delle sue delusioni, delle sue tristezze, del suo male di vivere personale e al tempo stesso comune, ordinario e tanto più terribile. La conclusione è la parodia di un gangster movie con tanto di cattivone stereotipato, ammazzamenti e finto/vero suicidio. "Ready, action!". BANG.

Oltre il film e il documentario, “Arirang” è un’opera tanto più grezza quanto più efficace in cui la vita è sia fonte che materia.